Un incontro con Mario Lodi

Il 2 di marzo sono trascorsi due anni dalla scomparsa di Mario Lodi, maestro, pedagogista e scrittore che tutto il mondo riconosce come un grande innovatore della scuola. I suoi libri, le sue esperienze e le sue proposte laboratoriali sono state di grande utilità per tantissimi maestri e maestre che desideravano innovare l’insegnamento partendo dal diritto del bambino ad essere un soggetto attivo e non passivo.

Con Mario lodi il disegno, la scrittura, il teatro e la musica sono diventati strumenti con i quali le bambine e i bambini hanno potuto esprimere il loro mondo e i loro sentimenti.

Poco prima di morire Lodi ha riconosciuto che gli ideali per i quali si era impegnato senza sosta erano stati messi in soffitta e si faceva strada una scuola dell’individualismo e della competitività. Proprio per questo continuava ad insistere con noi insegnanti  di andare avanti senza scoraggiarci e cercando di far conoscere le potenzialità della scuola attiva.

Mario Lodi ha praticato una scuola dove l’insegnante sapeva mettersi al livello del bambino e partendo dalle  conoscenze e dalle  esperienze di ogni bambino sapeva far maturare le loro competenze.

Anche quest’anno tante classi hanno aderito all’invito di “Gessetti colorati” per ricordare Lodi nelle classi non con celebrazioni, che a lui non  sarebbero piaciute, ma leggendo alcune sue storie o scrivendone altre seguendo il suo esempio, l’esempio di un maestro che sapeva essere in sintonia con i suoi scolari.

Se fosse possibile credo che sarebbe bello pubblicare una delle ultime interviste che Mario Lodi ha concesso al quotidiano Repubblica poco prima di mancare oppure  l’intervista che Lodi mi concesse e che è apparsa su libertà del 13 settembre 2010 (e che allego) con questo scritto come premessa.

Scarica il documento allegato

Share

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.