Sui voti a scuola

LETTERA APERTA ALLA STAMPA SPECIALISTICA E “ NON” (sui voti a scuola)

Mi è stato detto:- Lascia perdere, l’opinione pubblica è per i voti. Non può capire. Ognuno fa riferimento alla propria esperienza scolastica. Siccome tutti sono andati a scuola allora pensano di essere autorizzati a dire la loro opinione con grande sicumera, anche se il problema è tecnico e molto delicato……”
Ma, e i politici?- I politici seguono la corrente del consenso…
Ma, e i giornalisti?- I giornalisti si rivolgono ai loro opinionisti a prescindere dalle competenze…Sono andati a scuola? Sono laureati? Allora sono adeguati ad affrontare tale problematica…
Ma, e i docenti?- I docenti della scuola primaria, in genere sono d’accordo con l’abolizione dei voti numerici…
E quelli della scuola secondaria di primo grado, ancora scuola dell’obbligo?- Mah, ad occhio e croce quelli lì vogliono i voti…
Ma e i genitori? –I genitori dicono che preferiscono i voti, fanno prima a sapere se devono preoccuparsi oppure inorgoglirsi…
Mi ritrovo ora a decidere se prendere il computer e dire anch’io la mia o mettermi da una parte ed ammettere la mia sconfitta, mia e di tutto il gruppo del Forum veneto delle Associazioni professionali della scuola che recentemente si è espresso in modo molto argomentato sul problema della valutazione scolastica e sull’abolizione dei voti numerici.
Decido di “resistere” e comincio ad affrontare un problema alla volta.

[…]

Tutte le persone di scuola coscienziose, e per fortuna sono molte, sanno che la comprensione duratura, pregnante, deve essere posseduta in modo da essere facilmente utilizzata in contesti diversi, nei quali serve a chiarire una situazione o un problema. Le prove Invalsi, tanto vituperate strumentalmente, aiutano a capire questa connessione, basta andare nel loro sito per catturare i processi cognitivi soggiacenti allo stimolo costruito dagli specialisti disciplinari.

 

Scarica l’articolo completo

Un nuovo contributo di Cinzia Mion: LA RICERCA DEL CONSENSO, LA DEMOCRAZIA E…I VOTI NUMERICI.

Leggi anche:

Il documento delle Associazioni sul voto numerico

La valutazione formativa nella scuola italiana. Come poteva essere, come è stato

Della stessa autrice:

Valutazione formativa

L’articolo di Franco Lorenzoni pubblicato su Internazionale il 4 febbraio 2017 dal titolo  Intorno a voci e bocciature nella scuola di base si gioca una battaglia culturale su quale società vogliamo costruire

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *