Quando la legge è ingiusta, è maturo il tempo per la disobbedienza civile

La vicenda di Mimì Lucano sindaco di Riace, con un interessante modello di accoglienza dei migranti e contemporanea risoluzione dei problemi di spopolamento dei piccoli borghi, soprattutto al sud Italia, è troppo nota per essere qui raccontata.
Come spesso accade nel nostro paese, da una parte c’è chi lo avversa per denigrare la solidarietà e dall’altra chi lo elogia per contrastare invece un governo dispotico e autoritario.

Il problema, invece, a nostro parere riguarda l’esistenza di leggi ingiuste, di leggi superate dal tempo o dal comune sentire; e poi c’è la difficoltà delle modalità del loro cambiamento e la spesso inosservanza totale di leggi giuste che non vengono applicate, tra le quali non dimentichiamoci esservi diversi articoli della nostra Costituzione.

Il riferimento a Gandhi, Lorenzo Milani è d’obbligo; e poi dal carcere M.L. King sosteneva che l’individuo che infrange la legge, perché la sua coscienza la ritiene ingiusta ed è disposto ad accettare la pena del carcere per risvegliare la coscienza della comunità circa la sua ingiustizia, manifesta in realtà il massimo rispetto per la legge e Alex Zanotelli si chiede: “Com’è possibile che la Procura di Locri metta agli arresti domiciliari un uomo che non si è messo un soldo in tasca, mentre tanti che hanno lucrato sulla pelle dei migranti, dormono sonni tranquilli?” (https://www.peacelink.it/pace/a/45806.html)
Questa considerazione apre ancora tanti altri interrogativi.

Conclude Zanotelli “È maturo il tempo per la disobbedienza civile, Non si può assistere passivamente. Ricordiamo i tempi di M.L. King, quando c’era chi disobbediva e rischiava il carcere per una causa giusta. Non chiedo eroismo, ma bisogna rischiare qualcosa” (http://www.gruppolaico.it/2018/10/16/%e2%80%9cvi-sembra-giustizia-bisogna-disobbedire%e2%80%9d/#more-18497).

Pubblichiamo lo scritto di Mimì Lucano letto il 17 ottobre mentre lasciava Riace obbligato a risiederne fuori, già pubblicato su Il Manifesto con il titolo IL CORAGGIO DI RESTARE SOLI (https://ilmanifesto.it/il-coraggio-di-restare-soli). E’ una lettera importante perché solleva tante domande e tante questioni; potrebbe essere utile anche come stimoli per studenti che si affacciano all’adolescenza.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.