MCE LIBRI

REDAZIONE MCE LIBRI

Responsabile:
Indirizzo:
Telefono:
e-mail:

Le edizioni cartacee vanno sotto il nome “Quaderni” che viene dal passato, quando agli albori del Movimento, le esperienze esclusivamente di gruppo, venivano raccolte e documentate in libricini poco elaborati dal punto di vista editoriale, ma spesso molto interessanti, freschi, originali nel contenuto, che avevano soprattutto una funzione di materiale di documentazione interna. Nel tempo i “quaderni” pur modificandosi hanno mantenuto questo nome, che ci piace, forse perché fa riferimento al fare, agli strumenti di lavoro, all’esperienza, Raccolgono e documentano tuttora le ricerche e le elaborazioni presenti nel Movimento, non solo di gruppi, ma anche di singoli.  Spesso presentano un approfondimento di tematiche e di esperienze già affrontate nella rivista del Movimento.

Comprende:

  • Narrare la scuola, collana cartacea con editore Asterios 
  • RicercAzione, collana on line

Ultime pubblicazioni

Cari amici vi scrivo” nella rubrica Sesamo della Giunti

COMITATO DI REDAZIONE
Il comitato di redazione risulta attualmente costituito da: Oreste Brondo, Annalisa Busato, Orietta Busatto, Giancarlo Cavinato, Marta Fontana, Leonardo Leonetti, M. Grazia Paolini, Patrizia Scotto Lachianca, Nerina Vretenar, Senofonte Nicolli, Giuliana Manfredi, Maria Marchegiani. Carla Bertolini

L’impegno della redazione è quello di far sì che i quaderni:

  • si pongano come una delle possibilità per conoscere il MCE nella sua storia (soprattutto la collana storica) e nelle sue “pratiche” a scuola, ma anche nei contesti di formazione e di elaborazione pedagogica e culturale;
  • documentino “tecniche e strumenti” (intesi in senso freinetiano) capaci di aiutare il lavoro quotidiano educativo e di insegnamento, senza svilire la capacità di progettazione autonoma di ogni soggetto educatore;
  • possano comunicare all’esterno quanto di meglio il Movimento esprime in un dato momento storico, affinché possa essere di stimolo al proseguimento della ricerca pedagogica didattica, culturale.

La Redazione dei Quaderni assume la cura dei materiali prodotti da gruppi e singoli del Movimento o da singoli e gruppi esterni con i quali siano in atto forme di collaborazione e si riscontrino delle  sintonie,  accompagnandoli nel percorso dalla progettazione alla pubblicazione.

Cura altresì una sezione ‘storica’ di testi che hanno avuto particolare rilievo nella vita e nella cultura del movimento, e il cui contenuto è ritenuto patrimonio da salvaguardare.

Da alcuni  anni si è affiancata ai Quaderni, la cui dimensione si presta a proporre metodologie e riflessione sulle pratiche, una Biblioteca di lavoro dell’insegnante contenente proposte per un uso nella scuola in attività di laboratorio. Questi testi  riscontrano maggior interesse e diffusione per il costo contenuto e per l’operatività su cui sono basate le esperienze.

La segreteria ha proposto  l’organizzazione di un incontro annuale delle redazioni per coordinare un progetto comune. Sono questi gli ambiti da tener presenti come orizzonte per la costruzione di  un progetto editoriale:

  • dimensione istituzionale: proposte per l’uguaglianza delle opportunità  nella scuola pubblica ( educazione zero-sei anni, risorse, qualità di scuola, apprendimento situato,…): una scuola laica inclusiva democratica della ricerca della narrazione della documentazione
  • dimensione sociale: la cittadinanza, la partecipazione dei soggetti, i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, il decondizionamento da stereotipi, pregiudizi, etnocentrismi
  • dimensione didattica: cooperazione e riflessività docente: apprendere facendo (la didattica operativa) e cooperando ( socio-costruttività)

La redazione ritiene che il movimento abbia la necessità di radicarsi nel territorio sviluppando percorsi e progettazione nelle scuole. Ritiene necessario un salto di qualità che lo renda capace non solo di recepire quanto perviene come proposta di pubblicazione ma promuovendo situazioni di ricerca e documentazione, come  sensore attivo, con una propria progettualità rispetto all’orizzonte della contemporaneità.

Share