Il MCE aderisce allo sciopero del 5 maggio

Le Associazioni che hanno sottoscritto l’appello al Parlamento “La scuola che cambia il Paese” il 5 maggio parteciperanno alla mobilitazione nazionale, proclamata dai sindacati della scuola, ciascuna con le proprie modalità, per diffondere i contenuti dell’Appello e sensibilizzare l’opinione pubblica.
Il disegno di legge deve e può cambiare.

Il Movimento di Cooperazione Educativa sostiene insieme alle associazioni firmatarie dell’appello, lo sciopero che le organizzazioni sindacali della scuola, insieme dopo molti anni di divisione, hanno proclamato per la giornata del 5 maggio, riconoscendosi nelle ragioni della mobilitazione.
Segreteria Nazionale Mce

FIRMATARI DELL’APPELLO
Agenquadri, AIMC, ARCI, AUSER, CGD, CGIL, CIDI, CISL, CISL Scuola, Edaforum, FNISM, FLC CGIL, IRASE, IRSEF-IRFED, Legambiente, Legambiente Scuola e Formazione, Libera, Link – Coordinamento Universitario, MCE, Movimento Studenti di Azione Cattolica, Movimento di Impegno Educativo di Azione, Cattolica, Proteo Fare Sapere, Rete della Conoscenza, Rete degli Studenti Medi, Rete29Aprile, UCIIM, UDU, Unione degli Studenti, UIL, UIL Scuola, Libera, Irase, Forum Terzo Settore, EXODUS ONLUS.

Si allegano il Volantino del M.C.E. di sostegno allo sciopero e l’appello “La Scuola che cambia il Paese”

Appello al Parlamento

Sciopero 5 maggio 2015

Share

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.