Ricerca Valutazione competenze

COMMISSIONE PER L’ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DI INIZIATIVE

Ricerca-formazione sulla valutazione delle competenze

Responsabili
CONTE GRAZIELLA cruvutus@libero.it
CAVINATO GIANCARLO cavinatogc@alice.it
FASOLI SIMONETTA s_fasoli@yahoo.it

Osservare, documentare, riflettere, valutare

Valutazione come lettura di processi – Progetto di ricerca MCE-LPS Università Roma Tre

Per accedere alla documentazione completa cliccare qui.

Fasi

1 Avviare il confronto e la riflessione sulle competenze linguistiche necessarie per affrontare (interrogare, decodificare, offrirsi al “dialogo” con propri contributi, proprie ipotesi, proprie interpretazioni…) un testo, un ambiente, un contesto o semplicemente un’altra persona. La competenza linguistica (come capacità semantica, lessicale, pragmatica, testuale, di categorizzazione della realtà e conoscitiva) è un fattore unificante, in quanto essa è traversale e fa da organizzatore di tutte le discipline.

2 Stabilire come lavorare alle competenze linguistiche individuate (e a quelle riconosciute negli allievi): quali approcci, quali strategie e attività didattiche ne favoriscono lo sviluppo.
Ciò può essere elaborato e condiviso dal gruppo solo a partire dalla messa in comune di esperienze realizzate che hanno avuto esiti fruttuosi: buone pratiche.
Ciascun insegnante lavorerà su aspetti specifici della competenza linguistica (a livello affettivo motivazionale, a livello cognitivo, a livello metacognitivo), cercando di partire da una chiarificazione il più possibile precisa di quali aspetti della competenza intenda porre al centro del suo intervento didattico.

3 Prevedere nella progettazione didattica interventi didattici  funzionali alla costruzione e allo sviluppo degli aspetti di competenza linguistica su cui si è scelto di lavorare (potrebbero essere momenti di dialogo, di scrittura individuale e/o collettiva, di “lettura” collettiva su/di un’immagine, su/di un testo, su/di una situazione, su/di un fenomeno…ciascun insegnante lo farà per la sua area disciplinare, per gli aspetti della competenza linguistica individuati   e sui contenuti che sceglierà).

4 Dal punto di vista valutativo, la proposta è quella di documentare i percorsi didattici che si intendono realizzare.  Per “documentare” si intende raccogliere tutti i dati e le informazioni relativi sia ai processi messi in atto, sia ai ‘risultati’ conseguiti dagli studenti nel corso e come ‘effetto’ di tali processi. Questo comporta, dal punto di vista della rilevazione dei risultati, individuare che cosa può essere considerato ‘indizio’ della competenza (o dell’aspetto di competenza) costruita e sviluppata. Questa documentazione servirà di base per la riflessione che accompagnerà la realizzazione dei percorsi didattici e consentirà di raccogliere gli elementi sulla base dei quali verrà costruito il giudizio valutativo. Il Laboratorio di Pedagogia sperimentale suggerirà procedure, tecniche, strumenti per la documentazione dei percorsi e per la rilevazione dei ‘risultati’.
Si tratterà di riflettere su ciò che si viene facendo, cercando di mettere in relazione processi didattici e progressi nella costruzione di competenze, a seconda dei livelli di maturazione, delle motivazioni, dei diversi ritmi e stili di apprendimento. Nella consapevolezza che le competenze in quanto tali non sono osservabili, mentre sono osservabili e rilevabili (e in alcuni casi misurabili) prestazioni e comportamenti che sono indice (o indizio) della competenza indagata.

5 Riflessione collettiva e riaggiustamento (Seminario in primavera)

Documento conclusivo di Giancarlo Cavinato