Cantieri per la Formazione MCE

Responsabili:

CANCIANI DOMENICO, dcanciani@vodafone.it

FIORILLO ROSY, rosyfiorillo83@gmail.com

RANDAZZO LUCA, lukerandagio@gmail.com

INFO mce‐ve@virgilio.it

PISA 2017

Vai al sito

Quando qualcosa va storto. L’inciampo –  Ostacolo,  occasione, risorsa per l’azione educativa

Luogo: Pisa, scuola primaria Filzi

Date: 4-7 luglio 2017

GRUPPO NAZIONALE DI RICERCA E FORMAZIONE

«Cantieri» è una proposta di formazione per giovani educatori e insegnanti, studenti e ricercatori che vogliono avvicinarsi al mondo scolastico socio-educativo seguendo e reinterpretando creativamente le pratiche della scuola attiva, da Célestin Freinet a Mario Lodi.
«Cantieri» mette al centro della proposta l’invito a una ricerca-azione in cui formatori e insegnanti possano sperimentare il profondo intreccio tra saperi e contesti, metodologie e tecniche di insegnamento/apprendimento con attenzione alla relazione educativa intesa come mediazione culturale e interculturale.

Un’équipe, costituita a Firenze nel 2014 alla 63ª Assemblea MCE, è al lavoro per predisporre le prime tappe. Il nome «Cantieri» intende sottolineare l’obiettivo di costruire un’area di lavoro collettivo che vada dalla progettazione alla realizzazione dell’opera.
«Cantieri» intende infatti operare sul “fare scuola” come attività collettiva, e per questo assume il metodo della co-progettazione. L’équipe assume problemi, li dibatte, elabora ipotesi, ricerca strategie, condivide responsabilità, verifica quanto ha realizzato, ri-progetta. Il metodo della co-progettazione mira ad accogliere e unire esperienze ed elaborazioni diverse, costruite nel tempo dai Gruppi nazionali e territoriali del MCE, e da singole scuole.

In questo progetto il MCE esprime la necessità di avvicinare una nuova generazione di insegnanti alla storia e alle pratiche dell’educazione cooperativa: l’équipe si propone come luogo di dialogo trans-generazionale: accoglie al suo interno insegnanti “veterani” e giovani, educatori e studenti, affinché l’opera di co-costruzione sia attenta a coniugare teoria e prassi della tradizione freinetiana con nuovi bisogni e nuovi strumenti in educazione.
Per far questo intende mettere a fuoco valori e metodi, esplicitare le proposte di un’educazione alternativa, sperimentare la scuola del fare, valorizzare orientamenti e tecniche della pedagogia Freinet.

«Cantieri» ha preso visione delle esperienze che il Movimento di Cooperazione Educativa ha messo in campo in questi anni: dal recente incontro internazionale della RIDEF (Reggio Emilia 2014) a esperienze più lontane nel tempo come l’Assemblea-laboratorio e le Scuole estive, fino alle esperienze attuali come la Scuola interculturale di formazione, la Pedagogia del cielo e altre, locali e nazionali, meno conosciute: uno sguardo ampio per cercare di combinare proposte collaudate e idee permanenti con i cambiamenti necessari.

Le pagine dei Cantieri

CAGLIARI 2015

GENOVA 2016

Share