Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Per continuare a non tacere

19 Marzo, 09:30 - 12:30

Fra le esperienze che hanno ispirato una generazione intera, quella della “Scuola 725 all’Acquedotto Felice” è stata particolarmente pregnante. 

Don Milani si rivolgeva agli operai di S. Donato, poi ai figli dei montanari per i quali ‘la scuola sarà sempre meglio della merda’. 

Don Roberto Sardelli lavora con i sottoproletari, i figli degli immigrati. Come recita la lapide  affissa  da ‘Primaveraromana’ del 2010, le famiglie di quei ragazzi costruirono le baracche sotto gli archi dell’acquedotto e ‘nella povertà vi vissero una storia di lotte per affermare davanti alla città il diritto ad una esistenza degna’. Erano quelli gli ‘ultimi’ che la generazione del 68 sentiva come particolarmente vicina e consona alle proprie aspirazioni di uguaglianza e giustizia sociale. Perché si riconoscevano nei contesti sociali  in cui si trattava di formare cittadini e percezione di dignità.  Una concezione della funzione educativa che ritroviamo nelle tante esperienze condotte nelle periferie educative. Come quella di Albino Bernardini a Pietralata o di Alberto Manzi nelle carceri. 

La figura di don Roberto evoca quella di tanti altri preti ‘rivoluzionari’ e dediti al servizio e non tramiti del potere: Camilo Torres, Oscar Romero, don Lorenzo Milani, David Turoldo, Ernesto Baldacci, don Enzo Mazzi, don Franzoni, Alex Zanotelli. 

Da loro abbiamo appreso a coniugare disobbedienza e umanità. 

Virtù che abbiamo bisogno di non dimenticare.

Giancarlo Cavinato

 

 

Scarica la locandina dell’evento

Share

Dettagli

Data:
19 Marzo
Ora:
09:30 - 12:30
Categoria Evento:

Luogo

Sala della Promoteca Campidoglio
Share