Don Milani oggi

Spesso in incontri che in questo periodo sono molteplici su Don Milani (con buona pace di Paola Mastrocola e delle ex ministre Moratti e Gelmini) ricorre la domanda: – Ma cosa potrebbe dire/dare ai giovani insegnanti, alla scuola di oggi l’insegnamento di Don Milani?

Io mi sento di rispondere:

  • la questione della lingua e del possesso della parola ha ispirato fra l’altro parti di quel documento straordinario che sono le ‘Dieci tesi dell’educazione linguistica democratica’ del Giscel, opera anche di De Mauro (con buona pace del prof. Ernesto  Galli Della Loggia)
  • un’idea di scuola per il pieno compimento del dettato costituzionale sulla parità di condizioni da costruire: quell’idea di scuola promozionale di tutti  che la scuola pubblica sembrava – allora come oggi, al di là dei proclami – avere smarrito; di conseguenza una scuola a tempo pieno offrire una giornata varia, ricca, articolata al suo interno, stimolante
  • il senso profondo di una comunità che accoglie e valorizza tutte le differenze; che non conta i minuti e non si fonda sul merito individuale ma fonde tutte le varietà in un’elaborazione che è frutto dell’apporto di ognuno, ‘come in un’orchestra’

Questi, fra gli altri, sono i messaggi che è compito – non solo nostro – di diffondere alle nuove generazioni di insegnanti, ben preparati sulla peer education e sul cooperative learning ma che risentono dell’assenza di una narrazione comune, di una cornice identitaria nella scuola odierna.

G. Cavinato

 

Vi invitiamo a commentare questo articolo e a leggere l’articolo di Franco Lorenzoni uscito il 19.6.17 su “Internazionale on-line” dal titolo “Cinque ragioni per tornare all’esperienza radicale di don Milani”

https://www.internazionale.it/opinione/franco-lorenzoni-2/2017/06/19/don-milani-barbiana

Appuntamenti su Rai Radio 3 per Don Milani

Un contributo di Roberto Lovattini MCE Piacenza

Share

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *